AIESGRAF - Associazione italiana educazione sanitaria grafologica

Contatti | Privacy | Links
subglobal1 link | subglobal1 link | subglobal1 link | subglobal1 link | subglobal1 link | subglobal1 link | subglobal1 link
subglobal2 link | subglobal2 link | subglobal2 link | subglobal2 link | subglobal2 link | subglobal2 link | subglobal2 link
subglobal3 link | subglobal3 link | subglobal3 link | subglobal3 link | subglobal3 link | subglobal3 link | subglobal3 link
subglobal4 link | subglobal4 link | subglobal4 link | subglobal4 link | subglobal4 link | subglobal4 link | subglobal4 link
subglobal5 link | subglobal5 link | subglobal5 link | subglobal5 link | subglobal5 link | subglobal5 link | subglobal5 link
subglobal6 link | subglobal6 link | subglobal6 link | subglobal6 link | subglobal6 link | subglobal6 link | subglobal6 link
subglobal7 link | subglobal7 link | subglobal7 link | subglobal7 link | subglobal7 link | subglobal7 link | subglobal7 link
subglobal8 link | subglobal8 link | subglobal8 link | subglobal8 link | subglobal8 link | subglobal8 link | subglobal8 link

Articoli


Carcinoma ovarico e scrittura

La scrittura è certamente più ciò che fa scoprire che ciò che dice: questa consapevolezza per un verso connota la specificità del regime semantico dei segni grafici, quella del rapporto inverso alla parola, per un altro può salvaguardare un impegno educativo, pedagogico, di prevenzione, volto ad aiutare la persona a riconoscere la traccia, segno per segno, della sua storia, di sofferenze non dette, di dolori sopiti, di gioie inibite e/o malnutrite. E, se è certo che una patologia ha inizio dalla disregolazione e dalla cascata biochimica che la genera e terapeutico è ciò che riesce a rimettere in azione il sistema della gratificazione e dell’autoefficacia, è anche dimostrabile che terapeutica è pure la componente biosanitaria (scrittura, disegno..) quando aiuta alla individuazione preventiva di affezioni e disturbi di varia origine e natura, come ampiamente dimostrato da quanto osservabile, ad es, nella grafia di chi affetto da carcinoma ovarico , ove ricorrenti appaiono le angolosità situate alla base di lettere come la “g”, la “f”, nonché dai tagli delle “t”, vergati a sinistra; ovali chiusi, occhiellature ed asole strette e angolose . In tutti i casi, la frequenza di tali tratti si accompagna a tracciati occlusivi, complicati, tormentati, e con abnorme spazio interparola e interrigo. Sono scritture che mentre segnalano, con le angolosità e ancor più con l'acutezza delle asole inferiori, stimolazioni dolorose, denotano pure i conflitti interni che generano infelicità ansia massiccia, e un intenso tormento interiore e continue ruminazioni. Non manca di coraggio chi, oltre i tratti predetti, scrive con enfasi la figura alfabetica “v”, il cui profilo finale s’innalza oltre misura: è un simbolo del desiderio di vita, di salute e dello sforzo di colmare i vuoti della propria esperienza di malattia, nella reale comunicazione con il mondo, le persone, una persona, scorgendo non troppo lontano un piccolo raggio di sole!

Carcinoma ovarico e scrittura


 

LOGO AIESGRAF

Torna indietro
Informazioni | Contatti | Privacy| Webmaster | ©2005 Web Design Luca Martinelli